Archivi tag: NSK

Tre Soldi – Radio 3 :: Micronazioni (P01) – Polination

Radio-documentario sulle Micronazioni, in onda dal 24 al 28 settembre 2012 su Radio 3 Rai alle 19,40 [frequenze su Roma 93.7 oppure 98.4 in FM] nell’ambito della trasmissione «Tre Soldi».

Puntata n°1 – Polination 2012

(Atlantium | Ladonia | Molossia | NSK state)

Continua a leggere Tre Soldi – Radio 3 :: Micronazioni (P01) – Polination

Qui Comincia – Radio 3 :: Utopie 09 – Kugelmugel e NSK

Fino al 29 agosto Graziano Graziani conduce la trasmissione «Qui Comincia» di Chiara Galli su Radio3 Rai alle 6 alle 6:45 del mattino, tutti i sabato e le domeniche. [Frequenze 93.7 oppure 98.4 in FM].
Il ciclo di dieci trasmissioni si intitola «Utopie», e racconta 10 storie di micronazioni, minuscoli stati che hanno proclamato la propria indipendenza nell’indifferenza generale, e che nessuna mappa riporta. Storie di utopie concrete, tra il serio e il faceto.

* * *


Puntata n°9 – 28 agosto 2010

Viaggio a Vienna, nella Repubblica di Kugelmugel situata nel parco pubblico del Prater, per proseguire verso Lubiana, dove il collettivo artistico NSK, di cui fanno parte i Laibach, ha dato vita a uno Stato della mente  – lettura da «Walden ovvero vita nei boschi» di Henry D. Thoreau. Continua a leggere Qui Comincia – Radio 3 :: Utopie 09 – Kugelmugel e NSK

Lo Stato dell’Arte

kugelmugelL’arte ha a che vedere con l’utopia? La prima e più immediata risposta è sì, certamente, l’arte spesso immagina mondi altri, traccia prospettive per una migliore esistenza e convivenza tra gli uomini, e anche quando è impegnata a scavare nel marcio della realtà, l’arte parla ovviamente per antifrasi del suo superamento, e dunque di utopia. Ma volendo estendere il ragionamento, si può dire che l’arte stessa è già di per sé un concreto nonluogo (u-topos), una bolla spazio-temporale che si apre nel buio di una sala teatrale o di un museo, o che si materializza con le modalità impreviste della performance – e lo è tanto più quando forza le logiche e i tempi della produzione, realizzando se stessa anche in assenza di mezzi.
Sarà per questo che alcuni artisti europei hanno dato vita, in luoghi e tempi diversi, a delle utopie concrete, ragionando attorno al declino inesorabile dell’idea di nazione con lo scopo di dare vita a delle piccole entità statuali in grado di realizzare la loro personale utopia, e di essere al contempo esse stesse un progetto artistico. Continua a leggere Lo Stato dell’Arte