Archivi tag: Giappone

Pantagruel – Radio 3 :: Artefatto

Graziano Graziani conduce «Pantagruel – dizionario dei mondi possibili, impossibili e immaginari» dal 5 agosto al 2 settembre 2012, in onda ogni sabato e domenica su Radio 3 Rai dalle 15,00 alle 17,45 [frequenze su Roma 93.7 oppure 98.4 in FM]. Ogni trasmissione propone un viaggio attraverso una parola, riascoltando radiodrammi, film, interviste dell’archivio di Radio 3 e attraverso collegamenti e servizi.

* * *

Puntata n°9 – 02 settembre 2012

ARTEFATTO

Continua a leggere Pantagruel – Radio 3 :: Artefatto

Annunci

Tra le pieghe della notte

afterdarkNonostante l’avvento dell’elettricità, e il ritmo ossessivo della produzione che si è esteso alla vita privata, trasformando l’esistenza stessa nei paesi industrializzati in un diffuso mega-store twentyfour hours, la notte continua ad essere una linea di demarcazione, meglio, un confine attraversato il quale la percezione cambia radicalmente, lo scorrere del tempo acquista modalità impreviste e luoghi e oggetti conosciuti, solitamente innocui, cambiano radicalmente di segno.
Non a caso la sfera notturna, caratterizzata da un’insondabilità che la ammanta di mistero e fa sentire l’uomo più vulnerabile, è considerata il momento del dì in cui si manifesta il non-umano, l’ora dei fantasmi, per intenderci, quelli spaventosi e immaginari di tante tradizioni e culture, e quelli non meno angosciosi ma reali, per quanto impalpabili, che scaturiscono dalla mente e dalle sue paure. Quando cala il buio la difficoltà a vedere con gli occhi stimola un diverso tipo di sguardo, apre impreviste strade alla percezione, in grado di materializzare un differente tipo di realtà – se non proprio secondo le leggi della fisica, almeno secondo quelle ancora non del tutto conosciute della psiche. L’ora del sonno è in grado di giocare con immagini e simboli in modo assai più immediato, e non mentale, di quanto ciò accada durante il giorno – proprio come avviene nel sogno (e non a caso i due termini, sogno e sonno, in diverse lingue coincidono). Continua a leggere Tra le pieghe della notte

L’amore fatto a pezzi

Stipati sugli scaffali ci sono pezzi di corpi umani femminili disposti in serie. Alcuni, per osservarne meglio l’interno, sono sezioni di quelle stesse parti, altrimenti ben impacchettate e riposte in scatole di cartone con l’oblò trasparente. Non siamo nella location di un film dell’orrore, né all’interno del museo anatomico dell’ospedale Forlanini di Roma, ma in un sexy shop del Giappone, dove una delle ultime frontiere per gli amanti dei sex toys è costruirsi da soli la propria “bambola da compagnia”, assemblandola pezzo per pezzo. Continua a leggere L’amore fatto a pezzi

Net rifugio

Se vi attardate per la Tokyo by night, e tra una bevuta di sakè e una cantata al karaoke avete perso il treno di mezzanotte, in giro vi diranno che c’è una valida alternativa ai costosi taxi giapponesi: andate in un Manga Kissa – le fumetterie-internet point aperte ventiquattro ore su ventiquattro – e aspettate lì, per poche centinaia di yen, la prima corsa del mattino. Quello che però non vi dicono è che, con tutta probabilità, vi troverete in compagnia di un particolare tipo di cliente: gente che passa la notte negli internet point perché non sa dove andare a dormire. Sono i cosiddetti «Net cafe refugees» [o «netto kafe nanmin», in giapponese], la nuova frontiera del precariato nel paese del sol levante. Moderni senza tetto, per lo più giovani o attorno alla quarantina, che pur avendo un lavoro non riescono a mantenersi un appartamento alle costose condizioni delle metropoli del Giappone. Continua a leggere Net rifugio