Archivi tag: Dux in scatola

Storia cadaverica d’Italia. Daniele Timpano e le retoriche nazionali

Il poeta della beat praghese Egon Bondy apriva il suo unico romanzo – oggetto di culto circolato per anni illegalmente e in edizioni “samizdat”, cioè autoprodotte – con il ritrovamento di un cadavere: era il cadavere del mondo. Nel suo futuro distopico, l’utopia socialista si era ridotta a un cadavere che butta fango dai cui miasmi bisogna il più possibile girare alla larga.
Daniele Timpano, autore e attore della scena contemporanea, ha invece disegnato nell’arco di tre spettacoli quello che potremmo definire il “cadavere d’Italia”, ovvero ciò che ne resta della costruzione dell’identità nazionale in un paese che non ha mai avuto un mito fondativo davvero condiviso – al pari di nazioni come la Francia o gli Stati Uniti – e agonizza ancora oggi tra aspirazioni autonomiste, recriminazioni e luoghi comuni all’ombra del proprio campanile. Il cadavere come metafora della decadenza di un’italietta – nel senso descritto da Pasolini – che cerca di raccontarsi come nazione eroica, ma che inevitabilmente inciampa in una prosopopea che si sgonfia ricadendogli addosso, in una retorica già in via di decomposizione. Ma il cadavere è anche elemento narrativo, sguardo privilegiato sul carattere posticcio dei racconti eroici che ci tramanda un certo tipo di storia – che si fa sempre “sulla pelle” delle persone. Ma anche su quella dinamica di inevitabile corruzione del “corpo dello Stato” che in Italia, più che una fase di decadenza, sembra essere l’aspetto ricorrente di ogni fase della storia politica del Bel Paese, un corpo a sua volta assemblato con le parti esanimi di altri corpi-nazione. Continua a leggere Storia cadaverica d’Italia. Daniele Timpano e le retoriche nazionali

Ubu Rex – intervista a Daniele Timpano

Video-intervista del 28-04-2010 di Graziano Graziani a Daniele Timpano, nell’ambito della rassegna teatrale «Ubu Rex – il teatro che divora», ospitata dal Teatro Nuovo Colosseo di Roma per tutto il mese di aprile. On line su:

http://www.e-theatre.it/2010/04/30/UBU-REX—Graziano-Graziani-incontra-Daniele-Timpano.cfm

I gadget del Duce

timpano-dux-in-scatolaUn uomo vestito di nero e un baule. È tutto quello che serve per mettere in scena la storia post-mortem di Mussolini Benito, in arte duce del fascismo, inscatolato ad uso e consumo della platea come i tanti souvenirs tutt’oggi in vendita a San Cassiano di Predappio, nei pressi del cimitero, nei negozi che vendono [legalmente?] chincaglierie con la «sua» effige. Come il manganello «me ne frego», lungo 35 centimetri e con su scritto, appunto, il noto motto fascista: 12 euro e 50 più Iva.
Daniele Timpano, autore e attore dal piglio surreale, non è nuovo a operazioni di tipo metateatrale. Ma se in «Caccia ‘l drago», dove raccontava più o meno a braccio una novella di Tolkien, erano soprattutto il rapporto col pubblico e la sua vis comica a farla da padrone, in «Dux in scatola» tenta la carta d’autore mettendo, anche qui, in gioco se stesso. Come espediente narrativo. È il teatrante trentenne e la sua gita di documentazione a Predappio che esce dalle maglie del racconto, così come il contrasto tra il corpo di Timpano – l’esatto contrario dell’ideale atletico fascista – e la figura del duce [o meglio, dei suoi resti] che pure interpreta. Continua a leggere I gadget del Duce

Dux in scatola. Intervista a Daniele Timpano

dux-in-scatola1Daniele Timpano, autore, regista e attore di Amnesia Vivace, gruppo dell’underground teatrale romano, forse non è un nome noto ai più. Ma il suo ultimo spettacolo, «Dux in scatola», autobiografia postuma del cadavere di Mussolini, sta facendo parlare di sé. Lo spettacolo debutta il 14 gennaio alla Città del teatro di Cascina [Pisa]. Poi sarà al Florian di Pescara, e ancora a Bologna e a Roma, all’India, per il progetto Short theatre di Area 06, e al Rialto che lo ha coprodotto. Timpano, autore-attore dal piglio fortemente surreale, ci ha raccontato “Dux” nei panni di Dux.

Perché un’autobiografia postuma?

Ho scelto di raccontarmi così perché, nel momento in cui sono declassato a cadavere, sono materia decomposta e riplasmabile apposta per voi che mi state a sentire durante lo spettacolo.
Continua a leggere Dux in scatola. Intervista a Daniele Timpano