Archivi tag: danza contemporanea

La retorica dei luoghi

Alcune considerazioni valide per i due spettacoli che ho recensito in questo numero, e più in generale per le prime due giornate della fiera. Sia i Santasangre che Ludovica Andò hanno avuto un incontro-scontro con il palco grande del Palladium che non ha certo valorizzato il loro lavoro. Di questo aspetto, più che il “nanismo congenito” del teatro non finanziato (critica spesso pretestuosa: davvero 84-06 può essere definito un allestimento piccolo?), è interessante notare la riflessione sulla percezione fatta da questa scena. Una riflessione che privilegia l’incontro tra l’artista e il pubblico, un guardarsi in faccia che è quanto di più anti-televisivo possa proporre oggi l’arte scenica contemporanea. Ma che, a ben vedere, è anche il grado zero del teatro: la presenza, l’esserci.
Continua a leggere La retorica dei luoghi

Geografie del corpo e delle merci. Intervista a Claudia Dias

claudia-diasClaudia Dias è una delle danzatrici più interessanti della nuova scena portoghese. Prodotta da Re.Al, la compagnia di João Fiadeiro, la sua ultima pièce “Visita guiada” debutterà in Italia al Festival di Santarcangelo, il 12 e 13 luglio, per poi approdare a Polverigi.
In “Visita guiada” Claudia Dias entra in scena vestita dei suoi abiti quotidiani, con una busta della spesa del Mini-preço [un discount portoghese] piena di merci d’uso comune: dentifricio, assorbenti, sigarette. Subito Claudia si spoglia completamente e si “riveste” degli oggetti, fissati al proprio corpo con lo scotch. Indossa una nuova pelle, fatta di merci, di oggetti del quotidiano. «Sentivo l’esigenza, entrando in scena, che il mio corpo venisse considerato un ‘corpo sociale’, in cui lo spettatore si possa riconoscere – ci spiega – Solo così era possibile mantenere un rapporto democratico con il pubblico, che nel mio processo creativo è una delle questioni fondamentali».
Continua a leggere Geografie del corpo e delle merci. Intervista a Claudia Dias