Archivi tag: crisi economica

Galleggiare nella tempesta. «L’uomo nel diluvio» di Valerio Malorni e Simone Amendola

Valerio Malorni - L'uomo nel diluvioL’uomo nel diluvio è Valerio Malorni, padre di una bambina piccola e geniale attore romano, che vive per vocazione – ma anche per destino generazionale – la condizione di precario. Un precariato estremo, quasi un’arte di arrangiarsi due-punto-zero, una situazione di liquidità e incertezza che si propaga senza alcun ostacolo o barriera dal lavoro alla vita privata. Se poi scendiamo dal gruppo generazionale (i venti-trenta-quarantenni) a quello più ristretto degli artisti, dei lavoratori della conoscenza, di chi è impiegato nel settore della cultura, quella precarietà diventa quasi endemica. Come a dire: l’uomo nel diluvio siamo noi, tutti noi. Tutti noi che ci arrabattiamo per pochi euro al mese che arrivano sempre in ritardo, sempre con fatica e non bastano mai. Tutti noi che ci lamentiamo di questa condizione negli immancabili aperitivi più o meno glamour, dove si può dar sfogo alle nostre frustrazioni ma al contempo mettere su qualche altro progetto mal finanziato. Tutti noi che prima o poi pronunciamo le fatidiche parole: «Me ne voglio andare da questo Paese di merda!».Dove “merda” sta per Paese che non ci vuole, Paese che non sa sfruttare i suoi talenti, Paese che con il patrimonio culturale che possiede la cultura potrebbe essere una miniera d’oro se solo si investisse… E chi più ne ha più ne metta. È chiaro che quel “Paese di merda”, come in tutte le relazioni d’amore finite male, è più uno sfogo che una vera considerazione. Un insulto che condisce un rifiuto. Perché in Italia ci si sta bene se solo ci si potesse lavorare seriamente. E magari invece in Nord Europa dove tutto funziona ci si annoia e fa pure un freddo cane… Continua a leggere Galleggiare nella tempesta. «L’uomo nel diluvio» di Valerio Malorni e Simone Amendola

Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (5a puntata)

Radio-documentario sulla crisi in Grecia nell’estate del 2013, in onda dal 25 al 29 aprile 2013 su Radio 3 Rai alle 19,45 [frequenze su Roma 93.7 oppure 98.4 in FM] nell’ambito della trasmissione «Tre Soldi»

ilariascarpa - teatro Embros (atene)

Le foto del reportage sono di Ilaria Scarpa

* * *

Puntata n°5 – La crisi e i lavori culturali

Continua a leggere Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (5a puntata)

Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (4a puntata)

Radio-documentario sulla crisi in Grecia nell’estate del 2013, in onda dal 25 al 29 aprile 2013 su Radio 3 Rai alle 19,45 [frequenze su Roma 93.7 oppure 98.4 in FM] nell’ambito della trasmissione «Tre Soldi»

ilaria scarpa_ERT01

Le foto del reportage sono di Ilaria Scarpa

* * *

Puntata n°4 – La chiusura della tv pubblica (Ert)

Continua a leggere Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (4a puntata)

Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (3a puntata)

Radio-documentario sulla crisi in Grecia nell’estate del 2013, in onda dal 25 al 29 aprile 2013 su Radio 3 Rai alle 19,45 [frequenze su Roma 93.7 oppure 98.4 in FM] nell’ambito della trasmissione «Tre Soldi»

ilaria scarpa_VioMe10

Le foto del reportage sono di Ilaria Scarpa

* * *

Puntata n°3 – Vio.Me, la fabbrica autogestita di Salonicco

Continua a leggere Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (3a puntata)

Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (2a puntata)

Radio-documentario sulla crisi in Grecia nell’estate del 2013, in onda dal 25 al 29 aprile 2013 su Radio 3 Rai alle 19,45 [frequenze su Roma 93.7 oppure 98.4 in FM] nell’ambito della trasmissione «Tre Soldi»

ilaria scarpa_DoctorsoftheWorld07

Le foto del reportage sono di Ilaria Scarpa

* * *

Puntata n°2 – La sanità, le Ong e gli ambulatori solidali

Continua a leggere Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (2a puntata)

Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (1a puntata)

Radio-documentario sulla crisi in Grecia nell’estate del 2013, in onda dal 25 al 29 aprile 2013 su Radio 3 Rai alle 19,45 [frequenze su Roma 93.7 oppure 98.4 in FM] nell’ambito della trasmissione «Tre Soldi»

ilaria scarpa_tem07

Le foto del reportage sono di Ilaria Scarpa

* * *

Puntata n°1 – La crisi dei consumi e i mercati solidali

Continua a leggere Tre Soldi – Radio 3 :: Odissea Grecia. Viaggio al tempo della crisi (1a puntata)

La crisi che non si può tacere e non si può raccontare. L’ultimo lavoro di Deflorian-Tagliarini

Deflorian-Tagliarini - ce ne andiamoQuattro anziane signore greche che, in modo composto e dignitoso, si tolgono la vita. Si sono viste dimezzare la pensione, la mutua non paga più le loro medicine e loro decidono di farla finita e, in questo modo, di lasciare quel poco destinato a loro a chi ne ha bisogno. È da questa immagine che parte «Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni», il nuovo lavoro di Daria Deflorian e Antonio Tagliarini in collaborazione qui con Monica Piseddu e Valentino Villa. Anzi, che “non parte”, perché lo spettacolo inizia con l’ammissione di un fallimento: l’impossibilità di mettere in scena questa storia, che anche se inventata (è tratta dall’incipit di un romanzo giallo di Petros Markaris) tratteggia in modo incredibilmente preciso il nodo di disperazione che si avvita nelle biografie dei cittadini più poveri dell’Europa erosa dalla crisi economica. Di quel “vero”, sembrano dire i quattro attori, non si può parlare. Non lo si può fare con i mezzi dello spettacolo, cercando di costruire il drammatico attraverso il retorico, cercando la celebrazione nella scontata adesione “politica” del pubblico, nei meccanismi di un dramma che essendo confratello della nostra attuale condizione – l’Italia finirà come la Grecia? – non può che far leva sulle nostre insicurezze quotidiane. Continua a leggere La crisi che non si può tacere e non si può raccontare. L’ultimo lavoro di Deflorian-Tagliarini

Vivere in Grecia, nella crisi. Intervista a Petros Markaris

foto di Ilaria Scarpa
foto di Ilaria Scarpa

Alcuni anni fa, quando Petros Markaris ha annunciato che avrebbe scritto una trilogia sulla crisi in Grecia, una giovane giornalista gli aveva domandato se era davvero convinto che la congiuntura economica negativa sarebbe durata così a lungo. Oggi che «La resa dei conti», l’ultimo dei tre romanzi, è uscito già da alcuni mesi in molti paesi d’Europa, Markaris ha cominciato a scrivere un quarto romanzo che costituirà l’epilogo della sua trilogia. Una coda necessaria, perché secondo lo scrittore greco ci troviamo oggi – nel 2013 – nel momento di apice della crisi, nonostante ci venga raccontato il contrario. E non c’è segnale credibile che la situazione possa migliorare a breve.

Nel suo ultimo romanzo ritrae una Grecia dove padri e figli sono su fronti contrapposti, impegnati in un conflitto insanabile. È davvero così?

È il terzo libro della trilogia, con il quale volevo provare a fare una “resa dei conti”. Noi in Grecia odiamo fare bilanci e rese dei conti. Nemmeno dopo la guerra civile del 1949 siamo stati in grado di farlo, di guardare davvero a cosa avevamo fatto e cosa non avevamo fatto. La stessa cosa avviene con la generazione del Politecnico, quella che ha guidato la protesta contro la dittatura dei Colonnelli. Invece è importante capire dove ha sbagliato la generazione del Politecnico, che oggi guida la Grecia e all’epoca, invece, era il simbolo della resistenza. Continua a leggere Vivere in Grecia, nella crisi. Intervista a Petros Markaris

Un clown contro la crisi. Conversazione con Leo Bassi

leo bassi - utopia“Il buffone più pericoloso di Spagna”: così anni fa è stato definito Leo Bassi. Ma forse oggi lo è dell’intera Europa. I poteri forti sono da sempre il bersaglio preferito dei suoi spettacoli corrosivi e “scorretti”. Per questo è naturale che nel suo ultimo lavoro Bassi se la prenda con la deriva economicista che sta spazzando via il pensiero umanista. Ma “Utopia” – che quest’anno ha fatto più volte tappa in Italia – è anche un inno al teatro e al suo potere di rigenerazione della società. E Leo Bassi ci ha raccontato perché.

In “Utopia” parli del rapporto tra teatro e utopia. Di che rapporto si tratta?

Il teatro è cambiato radicalmente negli ultimi cento anni. Per certi versi ha perso molto potere, ma ha anche acquisito nuove prerogative. Quello che ha perso è la sua centralità: prima il teatro era il luogo deputato alla “narrazione” di una società, non c’erano né cinema né televisione. Oggi il rapporto si è ribaltato, per questo assistiamo a spettacoli in cui, ad esempio, si porta a teatro l’attore televisivo. Il senso di una simile operazione è che il “personaggio famoso” è a pochi passi da te, lo vedi “dal vivo”: questo crea un evento. Oggi una grande fetta di pubblico va a teatro solo per vedere operazioni simili, per partecipare all’evento. Ma è una cosa da stupidi. Perché? Perché il teatro deve essere il luogo dell’utopia. Questo era il senso della sua centralità come luogo in cui una società di narra, si comprende e può così immaginarsi diversa, migliore. Continua a leggere Un clown contro la crisi. Conversazione con Leo Bassi

Fahrenheit – Radio 3 :: «I padroni della crisi» di Biagio Simonetta

Faccia a Faccia con BIAGIO SIMONETTA
autore di «I PADRONI DELLA CRISI» (Il Saggiatore, 2013)

Biagio Simonetta - I padroni della crisi

La crisi economica è feroce. Sembra interminabile. Anche chi, solo nel 2011, negava la sua esistenza è costretto a fare i conti con i danni sociali e umani della recessione. Mentre le televisioni si occupano a orario continuato del famigerato spread e le manovre finanziarie «lacrime e sangue» si susseguono, Biagio Simonetta nel suo «I padroni della crisi» indica una prospettiva che pochi considerano. È il punto di vista dei vincitori, quello delle mafie. Il principio è il solito: molto denaro, molto potere. Soprattutto quando il denaro, tutt’intorno, scarseggia. L’applicazione è tanto lineare quanto sconcertante: in Italia e nel mondo, più l’economia si contrae, più le mafie si espandono. L’immensa liquidità proveniente dal traffico di cocaina ha salvato dal fallimento alcune delle banche più grandi del pianeta. I prestiti di ’ndrangheta, camorra e Cosa nostra soccorrono le piccole imprese strette nella morsa del fisco e del credit crunch; se l’unica alternativa è chiudere i battenti, poco importa che le organizzazioni criminali richiedano tassi da usura e che alla fine si impadroniscano dell’azienda.  Continua a leggere Fahrenheit – Radio 3 :: «I padroni della crisi» di Biagio Simonetta