Archivi tag: Alessandro Carbone

Lo spazio e le sue grandezze. Intervista a Ooff.ouro

Al debutto più atteso – quello pratese svoltosi la scorsa settimana per Fabbricaeuropa – Alessandro Carbone, anima di Ooff.ouro, ci parla del suo nuovo percorso di ricerca e delle delicate dinamiche che muovono un progetto basato imprescindibilmente sulla percezione dello spazio e dello spettatore.

Iniziamo a recuperare la genesi di questo progetto…

WBNR è una parte della trilogia che stiamo sviluppando a partire da un’indagine sull’oriente contemporaneo. L’intero progetto si chiama From Quad to Zero e nasce da una residenza di due mesi che abbiamo avuto l’anno scorso in Cina. In quel periodo sviluppammo una linea di ricerca che affrontava il tema dello spazio come territorio e lo facemmo viaggiando per città estremamente diverse fra loro per storia e relazioni sociologiche con il contemporaneo e che pure appartengono tutte all’insieme più vasto del territorio cinese. Abbiamo allora attraversato Pechino, Hong Kong, il Tibet, cercando di interpretare nel modo più esatto quei segnali che ci parlassero di come l’individuo si modifica in dipendenza dell’impatto che su di esso ha la città. Continua a leggere Lo spazio e le sue grandezze. Intervista a Ooff.ouro

Danzare i silenzi. Beckett e la danza contemporanea

«Abq»Nella sua produzione tarda, tra la fine degli anni settanta e gli anni ottanta, Samuel Beckett dedicò la gran parte della sua produzione ai drammi televisivi, brevi e intensi quadri visionari quasi sempre realizzati senza l’uso di parole in scena. Che sia proprio Beckett, tra i massimi drammaturghi del secolo scorso e sicuramente quello che ha espresso la cifra più intensa nell’uso della parola a teatro (tanto da far tracimare l’aggettivo “beckettiano” dal linguaggio teatrale al lessico comune), è indicativo di quanto l’autore irlandese cercasse, attraverso la costruzione verbale, di costruire di un mondo. Un mondo in grado di manifestarsi in tutta la sua complessità, pur nel lasso limitato di tempo e spazio di una rappresentazione. Continua a leggere Danzare i silenzi. Beckett e la danza contemporanea