Archivi tag: Aldes

Il pubblico non è la massa. Conversazione con Roberto Castello

Roberto CastelloAldes, la compagnia diretta da Roberto Castello, è una delle realtà più solide delle danza contemporanea italiana, alla continua ricerca di un dialogo con la scena teatrale, oltre gli schemi e le discipline. Quest’anno l’associazione compie vent’anni, e da un po’ di tempo cura la programmazione dello spazio dove risiede e lavora, a Porcari, in provincia di Lucca. Un’esperienza che stimola Castello – che abbiamo incontrato – e i suoi danzatori a domandarsi costantemente a chi si rivolge il loro lavoro artistico.

Molta ricerca è approdata in provincia, segno – tra le altre cose – della disorganicità del sistema produttivo italiano. Per voi cosa significa lavorare lì?

Noi – come Sosta Palmizi, Virgilio Sieni, Enzo Cosimi – siamo i sopravvissuti di una generazione molto più estesa, che si è in parte persa per strada. C’è stata una selezione naturale soprattutto in base alla caparbietà. Frutto di una serie di strategie di sopravvivenza declinate in modi diversi. La danza contemporanea italiana è frutto di una casualità fortuita, legata a delle persone specifiche. È stato Beppe Bartolucci, una delle poche teste pensanti che non tentava di reiterare vecchi ragionamenti, ad avere questa folgorazione dicendo a metà degli anni Ottanta: “E se il nuovo – dopo l’indigestione di Barba, Grotowski e il teatro postmoderno – venisse da un altro ambito?”. È stato lui a sdoganare le nostre realtà in una dimensione nazionale. Questa operazione aprì le scene a un settore che non esisteva fino a un attimo prima. Tutti questi fattori insieme hanno creato un contesto in cui i nostri compagni di strada sono diventati non danzatori, ma Martone, Corsetti, Giardini Pensili, tutta quella generazione teatrale. Poi a un certo punto delle scelte assolutamente reazionarie e di carattere prettamente organizzativo provenienti dall’Agis hanno ritenuto che questa invasione di campo del teatro da parte della danza andasse a intaccare le prerogative della prosa. Continua a leggere Il pubblico non è la massa. Conversazione con Roberto Castello

Gli elementi del disastro. Aldes a Short Theatre

Tra il lavori più interessanti passati a Short Theatre – il festival romano appena concluso – c’è sicuramente «Nel disastro» di Aldes. La compagnia di danza contemporanea guidata da Roberto Castello ha dato vita a uno spettacolo corale veramente universale, che coniuga cioè parola e movimento così come fa con i temi del presente e i linguaggi della ricerca, con naturalezza e profonda capacità espressiva, che fa di «Nel disastro» uno spettacolo per ogni tipo di pubblico. Il filo conduttore è l’ironia, l’iperbole gustosamente grottesca che la compagna di castello serve con precisione, mettendo in luce quelle crepe del vivere sociale, della relazione tra individui, delle derive narcisistiche  dell’io che sono il panorama di macerie sulle quale ci troviamo a compiere il nostro cammino. L’effetto comico è a volte perfino dirompente, Continua a leggere Gli elementi del disastro. Aldes a Short Theatre