DDB 38 – Giorno 14: “Passi falsi” e “Culo di gomma”

testata DDB India 38

27. Tre piccoli “Passi falsi”

Scritto nel 1888, l’«Ivanov» è considerato il primo vero dramma di Cechov, che in precedenza aveva messo in scena solo atti unici e vaudevilles. Un dramma che può rischiare in alcuni punti di sfiorare il grottesco, a causa del carattere psicotico del suo protagonista – aspetto che determinò un primo insuccesso del testo, che fu in seguito rivisto dall’autore. Quello che ha spinto Andrea Baracco ad affrontare questo testo – oltre la curiosità per la drammaturgia cechoviana, che il regista romano non aveva mai affrontato – sta tutto nel lato inespresso dei personaggi ideati dal drammaturgo. I personaggi di «Ivanov», per Baracco, sono il risultato di una serie di errori compiuti nella loro vita “precedente” a quella che vediamo rappresentata sulla scena – per questo il laboratorio tenuto al Teatro India si intitola «Passi Falsi». Baracco e i suoi attori hanno proposto tre scene, realizzate come singoli quadri che sembrano voler mettere in evidenza tre temi fondamentali del testo. Il primo – interpretato da Lucas Walden Zanfolini e Livia Castiglioni – si concentra sul distacco tra Ivanov e la moglie Anna Petrovna, che è molto malata, e che lui trascura per frequentare la casa di Lebedev. Il secondo – interpretato da Ersilia Lombardo e Giandomenico Cupaiuolo – è legato al sentimento di inquietudine dei personaggi, con le scene più fisiche immaginate da Andrea Baracco al di là del testo stesso, dove i personaggi – fuor di metafora – si posizionano “in bilico” nella loro esistenza, sempre più prossimi allo smottamento che rischia di farli cadere: arrampicati su una scala; nell’atto di mettersi e togliersi una serie di cappotti come fossero una zavorra emotiva; colti mentre toccano delle foto, parti tangibili del ricordo, lasciandole ricadere immediatamente quasi fossero incandescenti. La terza scena – con Giandomenico Cupaiuolo e Mauro Conte – è invece dedicata al rapporto con i soldi di Ivanov, perennemente in bolletta, un rapporto che a sentire le “malelingue” che lo circondano governerebbe anche le sue scelte sentimentali. Nel dipingere questi tre affreschi, Andrea Baracco sceglie toni netti, plasmando personaggi che abitano per intero e in modo tutto esteriore i propri sentimenti, affondando e riaffiorando da un buio denso squarciati dai controluce che plasmano la scena, nuda, come una stanza dell’anima. Non c’è volutamente alcun riferimento, in questi tre quadri, né alla storia complessiva né ad altre ipotesi di contestualizzazione: c’è piuttosto la scelta di usare l’attore come una sonda dei sentimenti più fondi, più neri, che stanno sotto le parole scritte da Cechov.

ilariascarpa - passi falsi

.

28. Culo di gomma

La compagnia Biancofango ha scelto di lavorare con un gruppo di adolescenti, che hanno seguito un laboratorio durato un paio di mesi. Ma il loro lavoro, oltre che con gli adolescenti, e sugli adolescenti. A partire da un’immagine molto netta di conflittualità e durezza usata come scorza per affrontare il mondo. Otto tra ragazze e ragazzi, in un’età compresa tra i sedici e i diciotto anni, allestiscono una scena che potrebbe avvenire in una qualunque città, su un muretto, dove i ragazzi si trattano tra loro con la sfrontatezza e la ruvidezza proprie di quel periodo in cui si vuole marcare il proprio distacco dal mondo dell’infanzia, ricorrendo a volte a un cinismo di cui non si conosce il confine. Non è cattiveria, appunto, ma mancanza di conoscenza del limite, e dunque di percezione dell’Altro come qualcosa che riguarda anche noi – che è quel sentimento, misto di grazia e rimorso, che ad esempio trasforma in vecchiaia i libertini in sentimentali. No, non è ancora la sfera erotico-sentimentale quella in cui cozzano come biglie gli adolescenti di Biancofango, anche se danno l’idea di esserne già consapevoli – almeno nella scelta o nell’incapacità di scelta dell’abbigliamento. È piuttosto l’affermazione del sé, la costruzione dell’identità fatta però con vorace parossismo dei vizi dell’età adulta – quello che li porta a cercare il divertimento senza altro fine e anche l’azzardo di rubare una macchina per fare un giro. La scena si ripete identica a sé stessa per ben tre volte, come un déjà vu, come una spirale dalla quale non si può uscire, inframezzata dalle note del preludio alle suite per violoncello di Bach, eseguite con maestria da Luca Tilli prima in modo lentissimo e poi con cadenza, quasi fosse quella la musica da discoteca che uno degli adolescenti scatta a ballare, più che per vero divertimento, per infastidire gli altri. L’altro elemento esterno sono le parole di Pasolini sulle colpe dei padri che ricadono nella mutazione antropologica dei figli – recitate con un veemente sussurrato da Andrea Trapani, di spalle, al microfono, avvolto in un cappotto, quasi fosse un’ombra, l’ombra di un presagio oscuro che aleggia su questa scena di banale quotidianità che, già dal controluce, sembra fin da subito gravida di tragedia.

La scelta della regista Francesca Macrì è di taglio smaccatamente teatrale: immergere nel linguaggio a più strati del teatro, nell’atmosfera sospesa delle parole off e della musica di violoncello suonata dal vivo, i corpi di questi adolescenti, di questi non-attori (che però, va detto, dimostrano una presenza scenica notevole), dentro l’atmosfera densa della teatralizzazione. Per usare una categoria uscita dal tavolo di «Actor Stadio», Biancofango opta per un attore-corpo e cerca di trasmetterlo ai ragazzi del suo laboratorio, cucendo sopra i loro volti la maschera già strasfigurata dell’infanzia che finisce. Per arrivare in questo modo a tracciare una sintesi nella scena corale della fine, nella tragedia innescata dal furto dell’auto, dall’affermazione del sé senza percezione del limite che è proprio dell’adolescenza ma – soprattutto oggi – non solo dell’adolescenza.

ilariascarpa - culo di gomma

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...