Pantagruel – Radio 3 :: Bestiale

Graziano Graziani conduce «Pantagruel – dizionario dei mondi possibili, impossibili e immaginari» dal 5 agosto al 2 settembre 2012, in onda ogni sabato e domenica su Radio 3 Rai dalle 15,00 alle 17,45 [frequenze su Roma 93.7 oppure 98.4 in FM]. Ogni trasmissione propone un viaggio attraverso una parola, riascoltando radiodrammi, film, interviste dell’archivio di Radio 3 e attraverso collegamenti e servizi.

* * *

Puntata n°8 – 01 settembre 2012

BESTIALE

Istinti animaleschi albergano ancora nella nostra umanità apparentemente civile e regolare, ed emergono in vario modo, Anche la letteratura e l’arte hanno spesso raccontato situazioni di confine fra l’individuo e la bestia. Partiamo allora dalla “Relazione per un’accademia” di Franz Kafka letta per Ad alta voce da Rolando Ravello, in cui una scimmia diventata uomo si presenta a un consesso di studiosi. Questo ci porta a rispolverare il profilo di Charles Darwin che si è interrogato sulla genesi dell’essere umano, e lo facciamo attraverso un frammento di Wikiradio in cui il biologo Giorgio Manzi ci parla dell’illustre scienziato. Ma ci fa piacere riascoltare anche un Racconto di mezzanotte scritto da Dostojevskij  intitolato “Il coccodrillo” in cui si narra di una di queste creature esposta in piena città. E allora la citazione cinematografica non può non essere “La donna scimmia” di Marco Ferreri ripreso dal Cinema alla radio di Hollywood Party. Mentre un frammento di Chiodo fisso ci riporta l’esperienza di un economista, Gianni Berna, che ha lasciato la sua professione per mettere in piedi un allevamento di alpaca.
Anche le arti figurative ricorrono spesso a immagini di animali spesso fantasticamente trasformate come per gli antichi bestiari medioevali, così fanno alcuni giovani street artists italiani come Ericailcane o Blu, di cui ci parla lo storico dell’arte Claudio Musso. Ma ancheGraham Sutherland, l’artista al quale la Fondazione Magnani Rocca di Mamiano di Traversetolo vicino a Parma dedica una mostra e di cui ci parla  il curatore Stefano Roffi, prende spunto da figure animalesche trasformandole e deformandole. Chiudiamo con un’idea di bestialità riferita alle pulsioni più atroci e incomprensibili dell’essere umano, ripercorrendo le vicende della “saponificatrice”, Leonarda Cianciulli, uno dei casi più discussi dell’Italia degli anni Cinquanta, capace di uccidere alcune donne e di farne sapone. Così come non possono non essere considerate bestiali certe stragi preordinate e certe “pulizie raziali” come per il genocidio degli armeni, ricordato  per Wikiradio da Antonia Arslan. Il neologismo suggerito da Valeria Della Valle è “indignados” guardando a quelle spinte interiori istintive e irrazionali ma motivate da ben precise ragioni politiche e sociali.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...