Doppio assoluto Rivera – Rondelli

Serata straordinaria quella di lunedì 14 marzo al Teatro Vascello di Roma, con Bobo Rondelli e Andrea Rivera a darsi battaglia a colpi di battute ed accordi, in un’inedita versione duo che ha dato vita a un grande momento di teatro canzone. L’occasione era «Doppio Assoluto», il progetto che un lunedì al mese porta sul palco dello stabile di innovazione romano un duo di artisti, voce e suono: duetti inediti per una serata unica a sostegno del Vascello, che come molti spazi italiani è oggi a forte rischio a causa delle politiche culturicide dell’attuale governo.
In realtà Rivera non è nuovo ad incursioni nei concerti dell’amico Rondelli, come i fan dell’uno e dell’altro hanno potuto costatare il mese scorso sempre a Roma, sul palco del Circolo degli artisti. E in questo lavoro, un po’ scritto, un po’ assemblato, un po’ improvvisato, ognuno dei due ha tirato fuori all’altro un guizzo nei rispettivi campi di battaglia: Rivera, che con la musica gioca da sempre, ha seguito Rondelli nelle sue esibizioni musicali – il cantautore livornese resta uno dei più straordinari talenti della scena d’autore italiana, e la sua carriera che vanta un seguito vasto ma in qualche modo clandestino agli occhi dei media è il sintomo lampante di un paese sempre più scollegato dalle punte eccellenti della sua cultura contemporanea –; allo stesso modo Bobo, che il teatro lo frequenta e molto, si lascia andare negli intermezzi delle sue canzoni alla sua forte vena comica tra il timido e il guascone, in un duetto-duello con un Rivera brillante e irriverente, che tiene il ritmo della serata sempre su di giri. C’è tempo per ridere, ma anche per pensare in questa serata, tra assemblaggi di titoli di libri con cui Rivera ci ricorda il baratro di ignoranza lungo cui sta camminando l’Italia di oggi, accorati appelli contro la guerra che Rondelli sugella con la sua bellissima «Madame Sitrì», e ricordi dell’Italia che fu, non quella risorgimentale, ma quella molto più recente, di pochi anni fa, quando il panorama politico odierno sarebbe stato semplicemente impensabile. A suggellare il legame forte e esile a un tempo con quell’Italia un cameo, la breve apparizione di Bruno Franceschelli, sodale e grande amico di Rino Gaetano. Insomma, una serata di grande comicità, ma anche di grande poesia.
I prossimi appuntamenti con «Doppio Assoluto» sono per il 18 aprile, con l’incontro tra Alessandro Preziosi e Michele Rabbia, e il 16 maggio con Gabriele Lavia e Rita Marcotulli, che presteranno le loro voci e i loro strumenti per sostenere il Teatro Vascello.

[da http://www.carta.org]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...