La storia di Rachel arriva in Italia

rachel_corrieIl 16 marzo del 2003, moriva a soli ventitrè anni Rachel Corrie, attivista americana impegnata a Rafah in azioni di interposizione. La sua morte suscitò l’emozione e lo sdegno di moltissima gente, riportando l’attenzione sulla condizione dei civili palestinesi nella striscia di Gaza; ma ci fu anche chi in patria parlò di lei come di un’ingenua, o addirittura una traditrice. L’anno dopo Katherine Viner, incaricata assieme al regista Alan Rickman dal Royal Court Theatre di Londra, scrive una piéce assemblando le mail, i diari e le lettere di Rachel per raccontare chi fosse questa ragazza partita dagli Stati Uniti per cercare di fare qualcosa di concreto per un popolo dilaniato da anni di guerre. Per raccontare come in fondo Rachel non fosse né un’eroina né una traditrice, ma una ragazza normale con un forte senso della giustizia. Lo spettacolo, che fa il tutto esaurito a Londra, non riesce ad andare in scena negli Stati Uniti, dove il New York Theatre Workshop decide di cancellarlo, suscitando lo sdegno di molti artisti, come Vanessa Redgrave e Harold Pinter, che si espressero pubblicamente contro questa forma di censura.
«Mi chiamo Rachel Corrie» è finalmente arrivato anche da noi, nella traduzione di Monica Capuani e Marta Gilmore, grazie a un progetto di Cristina Spina [andato in scena al Piccolo Eliseo di Roma il 25 e 26 marzo], che ne ha data un’interpretazione grintosa e coinvolgente, in grado di restituire, al di là delle contrapposte visioni di parte, la complessità di una persona “ricordata solo per la sua morte”, raccontando i suoi sogni, le sue speranze e la caparbia voglia di cambiare le cose. Uno spettacolo che emoziona, e che speriamo continui a girare.

[da Carta n°12/2009]

cover-09-12

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...