La città randagia di Margine Operativo

margine-operativo_cittaÈ una metropoli espansa, quella al centro di «Città. Spettacolo per corpi e musiche randagie», ultima produzione di Margine Operativo, in scena all’Horus occupato di Roma il 13 marzo. Espansa nel territorio, ma anche nell’anima di chi la vive. E soprattutto nell’immaginario, se è vero che la metropoli cantata – è il caso di dirlo – assomiglia molto a New York, con le sue gang, il suo degrado umano, ma anche la sua irredenta voglia di ribellione, anelito vitale che ci ricordano che creatività e disperazione nuotano nella stessa torbida acqua. Una New York che però non coincide con la città dell’east coast, ma piuttosto con la sua moltiplicazione in film, canzoni, visioni, immagini – metropoli realmente globale che diventa metafora (o sogno, direbbe l’antropologo Franco La Cecla) di ogni altra: e allora anche Roma, con la sua puzza di fritto, kebab e cornetti (ormai vietati) fa parte a buon diritto di questo gigantesco sogno-incubo, prevalentemente notturno, da cui sembra impossibile uscire. Ma il testo di Pako Graziani e Alessandra Ferraro è soprattutto un’ode alla metropoli in tutte le sue forme, un poema cantato in forma rap da Indo sotto la musica di Federico Camici e Andrea Cota. Perché lo spettacolo di Margine Operativo è precisamente una forma concerto che, nella sua rabbia live, occupa la dimensione performativa del teatro. Un’operazione forse più lineare ma perfettamente in linea con il precedente lavoro, «Guerrilla Live Show», che testimonia un interessante filone intrapreso dalla formazione romana. E questa giustapposizione di immagini-odori-colori, che mischia la puzza allo champagne, le maestrine coi vecchi pompinari, gli sbirri coi ragazzini strafatti, ci ricorda che lei, la metropoli, resta «l’unica che sa inventare una storia e tutti pendono dalle sue labbra».

[da Carta n°09/2009]

cover-09-09

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...