Minty Style, il trip-hop che viene dal Belgio

Arrivano direttamente dal Belgio, con un sound sospeso tra l’utilizzo contemporaneo dell’elettronica e la citazione pop rock anni Novanta. Stiamo parlando dei Minty Style, che hanno sfornato da qualche mese un disco omonimo per la Planet records. Alle spalle del terzetto belga un produttore del calibro di Youth (U2, Prodigy, The Verve, Dido, tanto per citare alcune sue esperienze precedenti). Il risultato è un disco intenso di atmosfere trip-hop, innervosite dal sound rock delle chitarre e trascinato verso il pop dalla voce di Pascale Salkin, avvolgente e affascinante, che lascia intravedere fonti di ispirazione del calibro di Garbage o Morcheeba. Il disco parte con «See the light», brano che si scava subito un varco nella memoria e resta lì, chiedendo di farsi riascoltare (forse anche perché è stato usato di recente per uno spot). A catturare definitivamente l’orecchio ci pensa «Storm», la traccia numero quattro, ritmo trascinante con punte decisamente rock, e «Girls don’t cry», che innesta atmofere pop e chitarre acustiche su un ritmo elettronico. Un disco da ascoltare in modo trasversale, dunque, dal suono curatissimo, e non è un caso: prima del debutto, il trio belga ha lavorato per anni alla realizzazione di campagne pubblicitarie.

[da Carta n°25/2006]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...