Succede solo da Mc Donald’s

super-size-meD’accordo, lo sanno tutti che mangiare nei fast food non è salutare. Ma chi può davvero dimostrare che patatine fritte e hamburger possono creare seri problemi all’organismo, e addirittura portare alla morte chi ne abusa? Morgan Spurlock si pone questa domanda una sera guardando la tv. Il telegiornale diffonde la notizia di due adolescenti statunitensi che decidono di fare causa a Mc Donald’s, sostenendo di essere diventate obese a causa delle migliaia di hamburger e cheeseburger ingurgitati fin dall’infanzia.
È vero che nessuno obbliga la gente ad andare a mangiare in un fast food, e dunque la responsabilità individuale del consumatore ha un suo peso. Ma è anche vero che Mc Donald’s spende miliardi di dollari per una pubblicità tutta orientata sui bambini – è anche l’unica catena che ha investito sui «kindergarden» – proponendo il mc-pasto come un’esperienza divertente, attrattiva. E i bambini sono, o dovrebbero essere, una categoria di «consumatore» da tutelare.
La causa delle due adolescenti, però, non va a buon fine, perché i mc-avvocati fanno notare che nessuno può dimostrare che la mc-dieta sia davvero dannosa. Proprio nessuno? In fondo, basta provarci e registrare tutto quello che succede, come in ogni indagine scientifica che si rispetti. E così Morgan, sulle note di «Fat bottom girl» [«ragazza dal culo grosso»] dei Queen si imbarca in un bizzarro esperimento: mangiare per un mese intero da Mc Donald’s, tre pasti al giorno [colazione, pranzo e cena] senza sgarrare, comprando nel fast food persino l’acqua. E obbligandosi ad accettare il menu «Super Size» tutte le volte – e non saranno poche – che gli viene espressamente proposto.
Prima di iniziare la sua dieta, Morgan si sottopone a controllo medico: un medico generico, un cardiologo, una gastroenterologa e una dietologa certificano il suo ottimo stato di salute. Ma già dopo una settimana il suo peso forma [83 chili e mezzo per 1 metro e 90 centimetri] risulta seriamente compromesso, così come la sua salute. Sotto gli occhi allibiti dei medici – increduli del fatto che una dieta a base di grassi e zuccheri possa portare, in brevissimo tempo, a scompensi simili all’abuso prolungato di alcol – Morgan ingrassa, stressa stomaco e fegato fino a comprometterli seriamente, ha un forte aumento del colesterolo, una diminuzione della sessualità e una fiacchezza diffusa.
A metà tra il documentario e una fiction paradossale, il primo lungometraggio di Morgan Spurlock è un viaggio nell’America del gigantismo alimentare, quella che detiene il primato di obesità di adulti e adolescenti [ma anche noi, in Europa, ci stiamo pericolosamente avvicinando]. Tra le storie di chi ha visto seriamente compromessa la propria salute dalle bibite gassate e dalle patatine fritte e quelle di chi specula sul cibo delle mense scolastiche, Spurlock traccia con ironia un quadro preoccupante, che indica nelle abitudini alimentari – ma anche nel cibo di bassa qualità e modificato geneticamente – un serio problema per la salute, che sta pian piano scalzando il fumo dal suo primato negativo come prima causa di morte negli adulti occidentali.
Il film prende il nome dal menu «Super size», che sarebbe la possibilità di prendere, con un piccolo sovrapprezzo, ogni portata del menù in dimensione ingrandita: maxi patatine, maxi coca, maxi panino [e le porzioni normali, negli Stati uniti, sono decisamente più grandi di quelle europee]. Un piccolo sovrapprezzo che porta i mc-clienti a trangugiare qualcosa come due litri di bibite gassate, quasi un chilo di patatine e un maxi hamburger.

[da Carta n°14/2005]

cover-05-14

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...