«Avvisaglie di un cedimento strutturale» di Cosmesi

cosmesi-avvisagliePiù vicino a un’istallazione di arte contemporanea che a uno spettacolo di teatro, questo progetto di Cosmesi [ovvero Eva Geatti e Nicola Toffolini, con la collaborazione di Michele Bazzana per la tecnica e Lorenzo Commisso per le sonorità – in scena al Rialto Santambrogio di Roma] riesce a coinvolgere lo spettatore completamente, pur in assenza di drammaturgia. Colpisce subito il livello tecnico di questa performance, che – senza ricorrere al video – riesce a creare un ambiente asettico e irreale, talmente vivido dal punto di vista dell’immagine – che sembra quasi una creazione digitale.
La scenografia, imponente, ci proietta in una stanza bianca, con un pavimento di maiolica, in cui gli unici elementi aggiunti sono due lettori cd appesi al muro, e un podio/sedia/tavolo (anch’esso in maiolica) dal quale saltano fuori di volta in volta, coma dalla borsa di Mary Poppins, una serie di oggetti con cui l’attrice interagisce per ricreare situazioni più o meno stilizzate di vita quotidiana. I cd del lettore sono rossi, come gli abiti di Eva e parte degli oggetti, un cromatismo sanguigno che rompe la candida immobilità della stanza, che assomiglia per forma alla parte finale di una bara – elemento che tornerà più volte nel corso della performance.
Sicuramente una prova riuscita da parte di questa ensamble di artisti giovanissimi, che hanno un dialogo col la tecnologia e le sonorità elettroniche di alto livello, con scelte mai gratuite o pleonastiche. Passando da momenti di ironia (gustosa la scena della “piscina”) a momenti di disperazione, Cosmesi dipinge quadro dopo quadro il percorso che porterà Eva/personaggio al cedimento strutturale, attraverso esaltazioni e abbattimenti quasi paradossali. Ma sono proprio queste esplosioni che rendono giustizia di quei cataclismi interiori che restano prigionieri di una stanza asettica, senza vista su una possibile via d’uscita. Finché questa gabbia s’incrina, inesorabilmente.

[Visto a Roma, Rialto Santambrogio, 24 marzo 2004]

[da http://www.carta.org]

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...